Il Ritorno...

Torno online dopo quasi 3 giorni di isolamento nel vero senso letterale del termine...il motivo?Beh,per chi non mi conoscesse e non sapesse dove risiedo,sono di Massa Carrara provincia,piu' precisamente in Lunigiana,una delle aree colpite dall'alluvione di cui i telegiornali e i gionali italiani parlano da martedi a questa parte.Fortunatamente il mio paese,Villafranca Lunigiana,e' stato colpito in maniera abbastanza leggera.I danni materiali sono stati limitati a qualche allagamento,col solo problema non da poco dell'assenza di gas,linee telefoniche cellulari e fisse,e acqua che al momento non e' ancora stata ripristinata.Il paese tra i piu' colpiti, come avrete sentito,e' stato Aulla,che e' a meno di 10 km dal mio paese,sul quale si e' abbattuta una autentica ondata di fango che ha praticamente devastato il paese,con ingentissimi danni,e la distruzione completa dell'area commerciale che caratterizzava il paese.La serata di martedi e' stata davvero traumatica...credo in 30 anni,di non aver mai visto nulla di simile.Momenti di panico reale e tanta tanta comprensibile paura.In quei momenti si spera solo che smetta di piovere.Mi credete se vi dico che non ho chiuso occhio?Mi sono fatta un after di sveglia di circa 24 ore ininterrotte e senza caffe'.La mia principale preoccupazione era il non poter comunicare col mio ragazzo che non sapeva se stavo bene o se mi era successo qualcosa.Nel momento in cui si e' messo in auto,preoccupatissimo per venirmi a prendere,e' stato fermato dalla Protezione Civile in quanto la maggior parte delle strade era inagibile,cosa che si verifica tutt'ora in quanto l'autostrada A15 e' ancora chiusa a causa di una frana.Sono riuscita a comunicare con lui solo la mattina successiva grazie ad un membro della Protezione Civile che mi ha dato un telefono Wind funzionante.Non vi dico come mi sentivo...non ho mai odiato Vodafone come in questi giorni!!!
Ironia della sorte,o forse destino,quando martedi si e' abbattuto il peggio su Aulla,io intorno alle 17.30,se avessi fatto il mio normale orario di corso,mi sarei trovata li,in quanto solitamente a quell'ora rientro.Perche' dico destino?Perche' quel giorno ci hanno cambiato l'orario e ho fatto mezza giornata.
Alla fine tutto e' bene quel che finisce bene...la situazione va megliorando a poco a poco,e come ho detto prima,al momento mi manca solo l'acqua,che non e' cosa da poco,ma rispetto alla situazione di persone colpite da questo nubifragio,mi ritengo piu' che fortunata.
Sono senza parole per cio' che e' successo,in quanto mi vedo distrutta,le zone in cui sono cresciuta,comprese le 5 Terre,magnifico patrimonio dell'Unesco che attualmente e' ridotto in briciole.
Le domande,come dicono le fonti di informazione,sono moltissime...si poteva evitare tutto questo?
In parte credo di si,in quanto sono convinta che la natura faccia il suo corso,e prima o poi si riprende cio' che le viene tolto.Qui,come in altri territori italiani,si pensa solo ad edificare,senza badare al disboscamento,al corso dei fiumi,e a tutto cio' che a loro e' connesso.Si pensa a riparare i danni quanto sarebbe decisamente meglio prevenirli.
Sono sconvolta nel vivere in prima persona,la distruzione dovuta al maltempo,che fino ad oggi ero abituata a vedere solo in televisione.Non avrei mai creduto di vivere tutto questo..mai,ve lo garantisco.
Aulla e' il paese che mi e' piu' vicino,ed e' uno dei piu' malridotti.Vedere le immagini e le foto su tg e giornali e' agghiacciante,in quanto quando stiamo bene,tendiamo a non pensare a come la forza della natura possa essere immane e distruttiva.Ci vorra' una vita per ricostruire tutto e difficilmente sara' come prima.Molte attivita' commerciali,la maggior parte sono andate distrutte,e credo che ci perde tutto,non abbia cosi tanta voglia di ricominciare,specie se si e' faticato una vita per avere qualcosa tra le mani...ne sono convinta.
E di certo in fatto di aiuti economici il Governo non aiuta..pensa ad altro...lo sappiamo,ma non voglio cadere in politica,preferisco evitare.
Il mio pensiero va ai miei conterranei meno fortunati di me,ai volontari e alla Protezione Civile che nei nostri territori e nel mio paese ha lavorato e sta lavorando giorno e notte per dare una parvenza di normalita' in questa tragedia.Stesso discorso per l'Esercito,i Vigili del fuoco,e tutti i volontari che stanno cercando di dare una mano a chi ha maggiormente bisogno.
Un pensiero anche a chi non c'e' la fatta,forse la cosa piu' grave...
Parliamo tanto di fine del mondo nel 2012...io credo che questo sia stato un buon inizio!

e vi lascio un link piu dettagliato sulla situazione qui
Powered by Blogger.