Followers

Corso di trucco e morfologia viso:IL BILANCIO!

Finalmente trovo un attimo di tempo,presa dallo studio,per raccontarvi della mia esperienza:Il corso di trucco e morfologia del viso a cui ho partecipato sabato e domenica scorsa.Un'autentica full immersion tra pennelli,ombretti e quant'altro,il tutto gestito sapientemente da Vittorio Ferrero,truccatore piemontese che ha truccato modelle di Armani,Versace,Jean Paul Gautier,e persino Carol Alt.
Per due giorni,ci ha messo a disposizione,in maniera peraltro molto amichevole,tutta la sua esperienza,spiegandoci quelle che sono le basi del trucco morfologico da cui poi ovviamente parte tutto il resto.
Adesso ho imparato in maniera "ufficiale" a valorizzare un volto,a capire cosa correggere al primo sguardo e sopratutto il modo in cui valorizzare un punto forte,minimizzando un'imperfezione.Gia',perche' molto spesso,anche se una cosa ci piace,non e' detto che ci debba necessariamente stare bene.
In due giorni,teoria a parte,nella quale tra le innumerevoli altre cose,ho imparato a muovermi in maniera molto piu' professionale con i pennelli (di cui a breve apriro' una parentesi a parte!),a fare sfumature degne di essere ritenute tali,a giocare con i chiaro-scuri e ad osare con i colori!
Insomma..ho avuto l'ennesima conferma di quanto sia grande la mia passione per questo settore,che comprende poi tutta l'estetica e la bellezza in senso generale.
Adesso posso dire di truccarmi e di saper truccare con piu' cognizione,e rispettando certi criteri,viene da se' che le cose vengono meglio!
Ho avuto anche la fortuna di fare pratica entrambi i giorni (al sabato non era prevista!),perche' per fortuna,io che sono preventiva,mi ero portata un trolley di cosmetici pronti all'uso,vista la mia voglia di fare.
E' stata una bella esperienza,decisamente stimolante,che mi ha invogliata a mettermi davanti allo specchio a provare e riprovare,struccandomi fino a farmi venire gli occhi rossi,per il puro gusto di migliorarmi e di acquisire cosi,una manualita' piu avanzata rispetto alla mia,che gia' non e' poi cosi male.
E in piu ho anche il classico attestato che ovviamente mi servira' anche in ambito professionale.
Ma parliamo di pennelli:
Ho fatto la pazzia:Ho speso una cosa come 130 euro di pennelli (mi vergogno!),in quanto ho preso atto che si,fanno la differenza,e si,se li paghi,c'e' un motivo.
I pennelli che possiede il MUA che ci ha truccato,erano ovviamente facoltativi,e non ci sono nemmeno stati proposti ufficialmente,solo che dopo averci lavorato,me ne sono innamorata.
Sono pennelli prodotti da una ditta artigiana bolognese,in setole naturali (martora mescolata a visone),che produce anche pennelli per le Belle Arti.La consistenza non ha nulla a che vedere con quella dei normali pennelli ,anche validi ci mancherebbe,a cui siamo abituate.Tutto un altro pianeta.Vi garantisco che mi si e' aperto un mondo con queste setole cosi compatte ma al tempo stesso leggere,cosi predisposte a raccogliere il pigmento per poi distrubuirlo e sfumarlo con estrema precisione sulle palpebre.Insomma,qualcosa di divino che tra non molto vi mostrero',ma preferisco farvi un articolo a parte!
Insomma,concludendo,sono davvero entusiasta e felice di aver avuto questa opportunita' ad un prezzo decisamente irrisorio rispetto ai normalissimi corsi di makeup che si trovano in giro.
La durata e' stata breve (io ci avrei passato anche un mese cosi),ma la bravura del nostro maestro ci ha consentito di concentrare il tutto in due giorni,rendendoli cosi decisamente produttivi e istruttivi.
Lo rifarei ad occhi chiusi.
E adesso si va di pratica..e chissa' che prima o poi non ci scappi qualche tutorial!

9 commenti:

I piu letti!

Licenza Creative Commons
PolvereDiStelle MakeUp by Veronica Bufano Franchini is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License. Based on a work at www.polveredistellemakeup.com.
«Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»