REVIEW: Snellente intensivo NOTTE 10 - SOMATOLINE Cosmetics

In questo articolo voglio parlarvi di un problema che accomuna noi donne,e di conseguenza di un prodotto atto a risolvere tale problematica.Sto parlando di adiposita' localizzata (da non confondere con la cellulite),e il relativo trattamento Snellente Intensivo Notte 10 di Somatoline Cosmetics,che ho avuto modo di provare grazie alla mia collaborazione con Farman,shop online,rivenditore di prodotti per il benessere e la cura del corpo,integratori,articoli per la prima infanzia e via discorrendo.
Ho avuto modo di utilizzare questo prodotto per poco meno di due mesi (il periodo in cui mi é durata la confezione da 400ml con un utilizzo quotidiano costante) e a questo punto,misure alla mano,posso parlarne in modo approfondito.
 Ma vediamo il prodotto nel dettaglio:
 La confezione é caratterizzata da un barattolo contenente 400ml di prodotto con Pao a 12 mesi dall'apertura della stessa.

Prima di entrare nello specifico,e arrivare alle mie opinioni personali,é bene sapere che il prodotto in questione,non va ad intervenire sulla cellulite vera e propria,ma piuttosto agisce su quella che puo' essere adiposita'localizzata. Due patologie totalmente differenti che necessitano di una spiegazione dettagliata in modo da inquadrare bene l'argomento e capire di cosa parliamo.
Sul sito ufficiale di Somatoline,si trovano numerose informazioni a riguardo,che per chiarezza vi riporto qui di seguito:

Per poter distinguere con chiarezza l’adiposità localizzata dalla cellulite, è bene conoscere le peculiarità di questi due quadri clinici, che sono molto diversi tra loro, ma che spesso possono coesistere nelle stesse regioni corporee di un medesimo individuo.

 Per adiposità localizzata si intende la presenza di un accumulo di tessuto adiposo in particolari regioni del corpo, non solo femminile, ma anche maschile, in base al biotipo, ovvero alla particolare conformazione fisica. Nella donna (biotipo ginoide) l’accumulo di tessuto adiposo si localizza tipicamente ai fianchi, nell’area periombelicale e sovrapubica, alle cosce e nella regione interna del ginocchio. Nell’uomo invece i depositi adiposi si accumulano tipicamente a livello addominale (biotipo androide). Ci sono però anche delle donne che, pur mantenendo intatto il loro fascino femminile, hanno delle caratteristiche molto simili al biotipo maschile, con accumuli adiposi che tendono a localizzarsi soprattutto a livello del dorso e dell’addome. L’adiposità localizzata è caratterizzata da aumento in volume (ipertrofia) e in numero (iperplasia) degli adipociti, senza alterazione della composizione del grasso in essi contenuto, della struttura delle cellule e dell’ipoderma (pannicolo adiposo) e senza modificazioni della microcircolazione locale, ipodermica e dermica. Anche l’epidermide mantiene intatte le sue caratteristiche senza subire modificazioni. Si tratta pertanto di un aumento localizzato di tessuto adiposo cosiddetto “sano”, senza edema, né dolore, né alterazioni cutanee, a differenza di quanto avviene nella cellulite.

 La cellulite, o lipodistrofia ginoide (GLD) o panniculopatia edemato-fibro-sclerotica (PEFS) è considerata da molti studiosi una condizione fisiologicamente, cioè “naturalmente” legata al sesso femminile ed è pertanto un disturbo molto comune. Il termine “cellulite”, utilizzato erroneamente da un punto di vista scientifico, è però entrato ormai nell’uso comune anche in dermatologia. Si tratta di una condizione considerata dalla quasi totalità delle donne altamente inestetica, indipendentemente dalla sua severità. La cellulite non dipende dal peso corporeo, infatti può comparire anche in persone considerate magre, ma l’aumento di grasso o di adiposità ne enfatizza la presenza. Normalmente compare dopo la pubertà, tende a diventare cronica e peggiora con l’avanzare dell’età. Si localizza preferenzialmente ai glutei e alle cosce dove la superficie cutanea assume il tipico aspetto a “buccia d’arancia”. Successivamente possono comparire depressioni più profonde e disomogenee, alternate ad aree irregolarmente rilevate (cute “a materasso”) e negli stadi più avanzati può interessare anche altre regioni corporee, come l’addome e le braccia. Sebbene non sempre ci si trovi di fronte a quadri clinici impegnativi o gravi, si tratta di una vera e propria patologia, che si manifesta con un’alterazione delle cellule del tessuto adiposo (adipociti) e della microcircolazione locale, con neoformazione di fibre collagene e incremento di acido ialuronico e conseguente richiamo di acqua. L’edema (gonfiore) che si forma per il ristagno di liquidi, a sua volta comprime le strutture presenti e i vasi sanguigni, ostacolando ulteriormente la microcircolazione locale e gli scambi metabolici. Inoltre le fibre collagene, ispessendosi e moltiplicandosi in modo anomalo, vanno a incapsulare ammassi di adipociti degenerati, formando dei noduli. Tali disordini si ripercuotono anche a carico dell’epidermide, lo strato più superficiale della pelle, con pallore, ipotermia (abbassamento della temperatura locale) e secchezza. La dolorabilità, molto soggettiva negli stadi iniziali, successivamente è presente non solo alla palpazione, ma anche spontaneamente. Le cause della cellulite sono molteplici, infatti si riconoscono fattori predisponenti, legati alla razza, al sesso, al biotipo, alla familiarità, e fattori scatenanti, come le terapie ormonali, uno stile di vita inadeguato, alcool, fumo, diete disordinate, ecc., ma il fattore più rilevante è legato al ruolo svolto dagli ormoni sessuali femminili, gli estrogeni, che favoriscono la ritenzione idrica e il naturale deposito di cellule adipose in particolari zone del corpo femminile, come i glutei e le cosce (biotipo ginoide). Gli estrogeni influenzano anche la microcircolazione, il delicato meccanismo di scambio di liquidi nei tessuti, che è profondamente coinvolto nella genesi della cellulite. Nella donna inoltre, il pannicolo adiposo delle aree ginoidi ha una configurazione diversa da quella dell’uomo. Nella donna infatti i setti fibrosi decorrono perpendicolarmente alla superficie cutanea e separano grandi lobuli adiposi in sezioni rettangolari. Quando il tessuto adiposo si scompagina, aumentano le dimensioni dei lobuli e i setti di fibre collagene si sclerotizzano (si induriscono), determinando una compressione dell’ipoderma verso il derma, cioè verso la superficie, che assume così l’aspetto tipico “a materasso”. Nel tessuto adiposo dell’uomo i setti fibrosi hanno invece una disposizione romboidale, con la formazione di lobuli di forma poligonale che, anche in caso di grandi depositi di grasso, non sono in grado di invadere il derma. Nella donna in età fertile, è possibile riscontrare quadri cliniciriconducibili a forme miste, ovvero ad aree con adiposità localizzata, associate in modo variabile a modificazioni tipiche della cellulite, soprattutto nei distretti che ne sono tipicamente colpiti, come i glutei e le cosce. 

Bibliografia essenziale: 
 “Cellulite: a review” Ana Beatris R Rossi, Andr. Luiz Vergnanini. JEADV 2000; 14:251–262
 “Pilot study of dermal and subcutaneous fat structures by MRI in individuals who differ in gender, BMI, and cellulite grading” F. Mirrashed et al. Skin Research and Technology 2004;10:161–168 “Cellulite and its treatment” A. V. Rawlings AVR Consulting Ltd, Northwich, U.K. International Journal of Cosmetic Science 2006;28:175–190
 “Treatment of cellulite with LPG endermologie” Tülin Güleç. International Journal of Dermatology 2009;48:265–270 
“Effects of mechanical massage, manual lymphatic drainage and connective tissue manipulation techniques on fat mass in women with cellulite” V Bayrakci Tunay et al. JEADV 2010;24:138–142
A caratterizzare l'efficacia del prodotto é il complesso BioSlim10-complex™,un'insieme di 10 principi attivi che aiutano a combattere gli accumuli adiposi,e favoriscono il drenaggio cutaneo.
Esso infatti stimola la ginnastica vasomotoria  e il drenaggio dei liquidi in eccesso,e grazie ad una sorta di "effetto impacco",aiuta a trattenere i principi attivi nella pelle,gia' di per se' la notte piu' ricettiva ai trattamenti,per un potenziamento della sua efficacia.

Principi attivi
-BioSlim10-complex™ costituito da ingredienti attivi cosmetici di origine naturale:
- Schinus terebinthifolius: estratto oleoso di pepe rosa, rende i depositi di trigliceridi più attaccabili dagli enzimi lipolitici;
- Veicolante funzionale (carrier): aumenta l’assorbimento degli ingredienti attivi cosmetici;
- Escina e Sale marino: drenano e levigano i tessuti favorendo l’eliminazione dei liquidi in eccesso.
 Tale trattamento é consigliato per donne con adiposita' localizzata che vogliono combatterla con una sorta di trattamento "urto" dall'azione rapida,e con uno stile di vita piuttosto sedentario.
IMPORTANTE
Come ben sapete Somatoline (la versione farmaceutica,quella che per intenderci non ha la denominazione "Cosmetics",non é adatta per coloro che soffrono di problematiche legate alla tiroide,pertanto si consiglia sempre l'utilizzo dopo aver consultato il medico.Per sicurezza, anche nel caso di questo prodotto a denominazione "cosmetica",contenendo comunque sale,e sostanze drenanti,
suggerirei di non prenderlo comunque alla leggera,chiedendo un parere al vostro medico o farmacista.Io vi parlo della MIA esperienza,e non avendo problematiche di questo tipo,vado sul sicuro,ma non vorrei mai consigliarvi cose che,non conoscendo le vostre patologie,potrebbero essere dannose insomma.

E adesso parliamo della mia esperienza:
Personalmente mi ritengo una persona piuttosto fortunata: costituzionalmente ho poca cellulite ( e quella poca per fortuna é al primo stadio quindi facilmente migliorabile),e alcune zone con adiposita' localizzata.Non posso definirlo grasso perche' non sono "in carne",ma logicamente,ormai ho la mia eta',assumo anticoncezionali,e logicamente la ritenzione idrica c'e' e un po' si vede,inutile negarlo.
Ho incentrato questo trattamento nella regione dei fianchi, e delle cosce (interno ed esterno,zone per fortuna non propriamente malmesse,ma meno toniche del resto,diciamo cosi.Considerando che non faccio palestra e sono un po' un bradipo,mi va fin troppo bene,ma daltronde ho l'attenuante di una dieta piuttosto sana,e l'assunzione di acqua a volonta' durante la giornata ( e credetemi che sono cosi fondamentali,sia per la salute che per l'estetica!).
Premesso che ho preso le misure prima di iniziare il trattamento,e sono partita con 91 cm di fianchi e 57 cm di giro coscia.
Un utilizzo costante del prodotto per 10 sere consecutive mi ha portato ad una riduzione di circa 0,5 cm sia sui fianchi che per quanto riguarda il girocoscia,mentre complessivamente,la durata del trattamento di circa 1 mese e 20 giorni,mi ha portato ad una perdita complessiva di 1,8 cm di circonferenza fianchi e 1,5 cm di circonferenza coscia.
E credetemi che posso ritenermi ultrasoddisfatta del risultato dal momento che non c'era poi molto da ridurre gia' in partenza.Sia chiaro,non lo dico con vanita' o presunzione,ma come semplice dato di fatto.
Ma vediamo anche come l'ho utilizzata:
La texture del prodotto é piuttosto corposa,quindi per quanto riguarda la quantita' per ogni applicazione,mi sono regolata in modo piuttosto parco.La prelevavo con una spatolina di legno (quelle usa e getta per la ceretta per intenderci),e ne utilizzavo una dose per zona.Ovviamente il tutto prima di coricarmi e provvedendo a massaggiare dal basso verso l'alto con movienti circolari fino al completo assorbimento.Il massaggio é molto importante in quanto gia' solo quello favorisce la circolazione,e quindi l'azione dei principi attivi stessi.
Sulla confezione viene riportata l'eventualita' che le zone trattate,perlomeno i primi tempi,si arrossino leggermente,provocando un lieve pizzicore e sensazione di calore.Non si tratta di una reazione negativa del prodotto,ma bensi é una cosa normalissima che ne indica l'azione attiva,fenomeno che tende a scomparire in una mezz'oretta.In particolare la sensazione di calore é molto lieve quindi non credo di doverla sconsigliare a chi soffre di varici o capillari in quanto é veramente impercettibile,niente a che vedere al calore provocato ad esempio da una ceretta giusto per farmi capire.
Altro piccolo fattore da menzionare,e del quale non dovete preoccuparvi,é l'eventualita' che durante il massaggio,la crema a contatto con la pelle,crei dei "bigolini",del tutto simili a quelli che si formano utilizzando uno scrub cremoso.Niente di anomalo anche in questo caso: evidentemente avere delle cellule morte da eliminare,e la cosa si attenua dopo due o tre applicazioni.
Personalmente ho apprezzato molto anche la profumazione.Non sa di "farmaco" e pur non essendo propriamente leggera,per quel che mi riguarda non risulta fastidiosa.
Insomma,risultati alla mano,la consiglio se come me,riuscite ad essere costanti in questo genere di trattamento.La costanza é davvero fondamentale,ve lo garantisco,e alla lunga premia.Sono piu' che soddisfatta dei risultati che ho ottenuto,e credo proprio che il mese prossimo (mi do uno stop di un mesetto per non assuefare la mia pelle al prodotto),riprendero' a rifare un ciclo per vedere se posso migliorare ulteriormente.Oltre alla perdita di centimetri,ho constatato che la mia pelle si é notevolmente rassodata,specie nella zona dell'interno coscia,che sappiamo tutte essere un po' critica.Pelle piu' tonica e compatta,che cerchero' di mantenere il piu' possibile.
Insomma,se avete qualche soldino da investire per il vostro corpo,io ci penserei.
La trovate sul sito Farman a questo link,scontata,oppure in farmacia e parafarmacia.
E' disponibile nel formato da 400ml (prezzo originario c.a.51,00 euro),da 250ml o in bustine monodose.



DISCLAIMER

 Il prodotto mi e' stato inviato in forma di OMAGGIO al fine di testarlo,valutarlo e recensirlo,in maniera quanto piu' oggettiva possibile,ovviamente basando il tutto sulla mia esperienza personale.Cio' non ha in alcun modo influenzato la mia opinione a riguardo,e ho valutato il prodotto in questione con la professionalita',l'onesta e la schiettezza che caratterizza le mie reviews


Powered by Blogger.