PREVIEW: Sistema Acrilico ad immersione Easy Design – La Femme® Professionnel

In questo articolo voglio mostrarvi un prodotto che mi sta piacendo davvero molto e che per quel che mi riguarda, da estetista, trovo assolutamente rivoluzionario nel suo genere: vi posso assicurare ce se siete appassionate di unghie e di ricostruzione, ne rimarrete incuriosite anche voi. Sto parlando del kit Sistema Acrilico ad immersione Easy Design proposto da La Femme® Professionnel, marchio distribuito in Italia da Aleas Cosmetics con cui in passato ho gia’ avuto il piacere di collaborare.

Se seguite il blog, sapete che ho sempre amato avere unghie ricostruite, in primo luogo per esigenza un po’ forzata, in quanto le mie naturali sono sempre state piuttosto fragili, di conseguenza il trattamento per me ha sempre rappresentato l’unica soluzione per riuscire a mantenere una lunghezza decente senza paura di spezzarle e doverle nuovamente accorciare. Col tempo poi, mi sono fatta coraggio e per non essere schiava dei refill col gel, ho iniziato a curare le mie unghie naturali in maniera maniacale. E ad oggi ho unghie sane, non dico forti ma abbastanza resistenti che tuttavia ogni tanto tendono a spezzarsi comunque. Inutile dire che quando ho scoperto questo sistema, sono letteralmente impazzita e di seguito capirete il motivo! Prima di parlarvi sommariamente della mia esperienza (presto realizzero’ un ulteriore articolo piu’ approfondito relativo all’applicazione e alla recensione completa), voglio illustrarvi quello che e’ Easy Design.
Il sistema Easy Design e’un sistema di copertura delle unghie naturale costituito da “acrilico ad immersione”. Esso nasce essenzialmente per chi desidera rinforzare le proprie unghie mantenendole verosimilmente molto naturali, specie se problematiche o che tendono a danneggiarsi facilmente in quanto sapete bene che l’acrilico, sebbene tradizionalmente meno utilizzato del gel, risulta molto più resistente agli urti e tutto tommato piu’ comodo da applicare dato che non necessita di polimerizzazione ma asciuga semplicemente all’aria. Tuttavia, chi ha un po’ di dimestichezza con l’argomento, sa perfettamente che la polvere acrilica è abbinata ad un liquido chiamato monomero, decisamente sgradevole da utilizzare, e che rende il trattamento decisamente sgradevole, sia per l’onicotecnica che per la cliente. Le esalazioni emanate dal monomero sono tutt’altro che piacevoli oltre che ben poco salubri. Fortunatamente l’estetica progredisce e di anno in anno vengono lanciati sul mercato prodotti non solo piu’ facili da utilizzare ma anche e soprattutto meno nocivi e molto piu’ piacevoli da utilizzare.
Easy Design sfrutta esattamente questo principio: un acrilico a tutti gli effetti ma che non necessita di monomero, e che non va modellato a pennello, bensi semplicemente ad “immersione”, il cui risultato finale e’ una copertura perfetta dell’unghia naturale, uno spessore praticamente impercettibile, rapidita’ di applicazione (una copertura completa delle due mani si esegue in meno di mezz’ora), e durata impeccabile a prova di urti accidentali. Si parla di copertura, ma e’ altrettanto vero che e’ possibile realizzare anche leggeri allungamenti sia con cartine che con tip (che io non utilizzo per antipatia mia!!!).
Io ho ricevuto il kit completo Easy Design che contiene tutto il necessario per realizzare una copertura perfetta. Ho avuto modo di utilizzarlo (ma del risultato ve ne parlero’ in un articolo specifico e dettagliato), e mi ha decisamente sorpresa, sia per la facilita’ di utilizzo, sia per il risultato  inaspettato: non avrei mai creduto che utilizzare l’acrilico ad immersione fosse cosi semplice rispetto alla classica ricostruzione in acrilico che ho imparato ad utilizzare ovviamente attraverso un corso specifico e prove su prove!

Il kit e’ davvero completo: contiene ovviamente un opuscolo illustrato che spiega passo passo in maniera molto dettagliata, quello che e’ il protocollo di applicazione per ottenere un risultato finale davvero perfetto. Io nonostante fosse la prima volta, durante l’utilizzo non ho incontrato alcuna difficolta’, e’ tutto molto semplice anche per chi non è esperto o non ha alle spalle corsi professionali dedicati.

All’interno del kit troviamo rispettivamente i tre prodotti protagonisti del sistema, quelli cioe’ che ci consentono di effettuare la nostra copertura:

  • Acrylic Pollen Clear 10gr : la polvere acrilica
  • Resin Glue con pennellino 7,5gr : la resina da applicare sull’unghia affinche’ la polvere acrilica aderisca.
  • Activator ED 100ml: l’attivatore che si applica successivamente alla polvere per farla solidificare.
Unitamente ai prodotti troviamo gli strumenti adatti all’applicazione e alla lavorazione dell’acrilico applicato, quindi lime di differenti grit da utilizzare per ritoccare e rifinire le unghie.
  • Dispenser per Attivatore con Atomizzatore 30ml
  • Buffer Bianco 100/100
  • Lima Mezzaluna, Bianca 100/180
  • Lima Spessa Mezzaluna, Grigia 100/180
  • Lima Larga Lucidante 600/4000
  • Speed Hardener 15ml
  • Olio per Cuticole 15ml
Ma vediamo singolamente i prodotti partendo dalle varie lime presenti:
Il buffer (quello che tutte chiamano “mattoncino”) serve per opacizzare l’unghia e prepararla adeguatamente a quella che sara’ la nostra copertura. La lima a mezzaluna 100/180 serve per conferire la forma desiderata all’unghia ed eliminare eventuali imperfezioni ed avvallamenti, mentre la stessa variante, pero’ spessa, serve per rifinire ulteriormente la superficie dell’unghia una volta applicato l’acrilico, prima di utilizzare la lima lucidante, dalla superficie altamente liscia che conferisce all’unghia una brillantezza finale assolutamente estrema. Mi permetto di dire che quest’ultima e’ assolutamente stupefacente: lucida talmente a fondo la superficie in acrilico da rendere quasi inutile l’applicazione del top coat finale che sigilla il lavoro ultimato.
Passiamo poi a quelli che sono i prodotti:

Resin Glue

La Resin Glue e’ una sorta di resina liquida da applicare sull’unghia naturale, dopo averla opportunamente preparata al fine di far aderire quella che e’ la successiva polvere acrilica. Occorre essere particolarmente accurate durante l’applicazione che richiede poco prodotto ben tirato a smalto in modo da ricoprire tutta la superficie dell’unghia.
L’applicazione e’ agevolata dal pennellino in dotazione del tutto simile a quello di uno smalto. E’ bene ricordare di ripulire adeguatamente i bordi del flaconcino dopo l’utilizzo per evitare che il prodotto si secchi pregiudicandone l’utilizzo successivo, e prestare attenzione al pennellino che deve mantenersi sempre pulito, avendo l’accortezza di applicare la resina sull’acrilico ben asciutto e privo di residui, negli step che seguono il primo.

Acrylic Pollen Clear

Parliamo della polvere acrilica, una polvere sottilissima ed impalpabile, in questo caso trasparente ma disponibile anche nelle varianti colorate e cover a seconda delle esigenze.
Si utilizza dopo aver applicato la resina, immergendo l’unghia direttamente nel barattolino in modo che essa aderisca adeguatamente alla superficie. Per evitare eccessi di prodotto, basta semplicemente scrollare il dito dopo l’immersione in modo che la polvere in eccesso scivoli via. Ora, se utilizzate il tutto su di voi, usate il barattolino, nel caso usiate il kit per le vostre clienti, per igiene munitevi di un contenitore specifico in cui inserire un po’ di polvere evitando in questo caso eventuali germi!

Activator

Il liquido attivatore, fissa sia la resina che la polvere acrilica: si spruzza al termine dei 2 o tre step previsti sull’acrilico gia’ asciugato affinche’ si solidifichi ulteriormente ad una distanza di circa 20 cm dall’unghia. Nel kit e’ inserito un piccolo atomizzatore in vetro dove inserire il prodotto prelevato dal flacone principale. E’ importante il vetro in quanto qualunque atomizzatore in plastica pregiudicherebbe l’efficacia della formulazione del prodotto.
Per quanto riguarda gli step relativi all’immersione, questo e’ l’ultimo prodotto da utilizzare.
Nel kit tuttavia sono compresi altri due prodotti:

Speed Hardener Rinforzante Rapido

Si tratta di un top coat finale da applicare sulla copertura, se decidiamo di mantenere le unghie naturali e quindi prive di semipermanente, o come rinforzante vero e proprio se decidiamo di rimuovere totalmente la copertura.

Cuticle Oil

Non puo’ mancare un olio per cuticole piacevolmente profumato che vada ad ammorbidire le cuticole e a completare il nostro trattamento.
Il Kit e’ davvero completo quindi una volta acquistato, non avrete bisogno di altro!
Ma volete sapere come funziona il sistema Easy Design?
Bene, vi faccio una breve panoramica nell’attesa della recensione completa, almeno nel frattempo riuscite a farvi un’idea:
La prima cosa da fare, e vi consiglio di non avere fretta ma di dedicare particolare cura a questo passaggio, e’ la preparazione dell’unghia. Io solitamente cerco di effettuare una manicure completa almeno qualche ora prima in modo che non vi siano tracce di umidita’ sulle unghie che pregiudicherebbero l’adesione dei prodotti. Si comincia percio’ con lo spingere le cuticole aiutandosi con un bastoncino d’arancio o con uno spingipelle, per poi opacizzarle delicatamente con il buffer.
Una volta terminata questa operazione, ripulite bene le unghie da eventuali polveri  aiutandovi con una spazzolina o con un pad imbevuto di cleanser.
A questo punto si procede con l’applicazione della Resin Glue: prelevate una piccola quantita’ di prodotto col pennellino e applicate su tutta la superficie dell’unghia, senza eccessi ma avendo cura di tirare bene il prodotto.
Una volta applicata la colla, immergete subito il dito nella polvere Acrylic Pollen: non serve mantenerlo nel barattolino, basta immergere e rimuovere la polvere in eccesso per poi attenderne la perfetta asciugatura. e passare quindi all’applicazione a spruzzo dell’Activator a circa 20 cm dalle unghie. Questi step si ripetono in successione 2 o 3 volte a seconda del vostro gusto e delle vostre necessita’ (io con 3 applicazioni ho ottenuto un’unghia comunque molto sottile).  Vi consiglio prima di passare allo step successivo di completare tutte le unghie in modo che il prodotto asciughi completamente. Tra un passaggio  l’altro utilizzate una spazzolina per rimuovere eventuali residui di polvere in eccesso.
Terminate le 2 ( o 3) applicazioni seguendo lo schema “Resin Glue – Acrylic Pollen e Activator sul finale del trattamento” siete pronte per rifinire le vostre unghie. Io levigo la superficie con la lima a mezzaluna sottile in modo da eliminare ogni inperfezione e rifnisco il tutto con quella piu’ spessa. Una volta levigata bene la superficie con il lato 180, passo alla lima lucidante e successivamente sigillo il tutto con l’Hardener.
I passaggi che avete visto valgono se desiderate unghie naturali, prive di colore, perfette per poi applicare successivamente uno smalto convenzionale…
Ma c’e’ di piu’: Easy Design e’ concepito per essere abbinato agli smalti semipermanenti NonStop Color, disponibili in ben 170 colori.
La loro adesione perfetta al sistema rende il semipermanente ancora piu’ performante e dura tranquillamente 20 giorni mantenendosi inalterato.
Nel caso in cui desideraste applicare il NonStop Color, si procede cosi:
arrivate all’ultima applicazione di Easy Design vi limitate a rifinire l’unghia con la lima a grana 180 in modo da mantenere la superficie abbastanza porosa e senza applicare alcuna base, procedete con un sottile velo di colore, da stratificare due volte, polimerizzando di volta in volta 60 secondi in lampada.
Dopo due applicazioni, completate il tutto con il Top Coat specifico, anch’esso da polimerizzare, per poi sgrassare il tutto con un Cleanser.

Ho ricevuto tre NonStop Color, rispettivamente:

  • N.156: un delicato lilla molto primaverile
  • N. 155: come il precedente fa parte della collezione primaverile ed e’ un pesca che a me piace moltissimo.
  • N.113 un rosso rubino arricchito di microglitter tono su tono.

 

Anche in questo caso, ho trovato l’applicazione molto semplice, e il risultato e’ decisamente WOW!
Il colore e’ davvero molto molto lucido, anche a distanza di una settimana, ma ne saprete di piu’ nella review specifica.
Concludendo, anche se vi voglio recensire il tutto in maniera piu’ dettagliata, posso anticiparvi che Easy Design mi piace molto: e’ facile da applicare anche per un non professionista, il risultato e’ davvero notevole e molto naturale e la tempistica che richiede l’applicazione, non e’ differente da una normale manicure.
Credo sia una vera innovazione da non sottovalutare!
Il prezzo del kit Easy Design e’ di 59,90 euro mentre i NonStopColor hanno un prezzo unitario di 14.90 euro. Il tutto acquistabile sul sito Aleas Cosmetics.
Sono davvero felice di aver avuto questa opportunita’ e non vedo l’ora di mostrarvi la prova su strada del prodotto col risultato ottenuto!
DISCLAIMER
 Il prodotto mi e’ stato inviato in forma di OMAGGIO al fine di testarlo,valutarlo e recensirlo,in maniera quanto piu’ oggettiva possibile,ovviamente basando il tutto sulla mia esperienza personale.Cio’ non ha in alcun modo influenzato la mia opinione a riguardo,e ho valutato il prodotto in questione con la professionalita’,l’onesta e la schiettezza che caratterizza le mie reviews

REVIEW: Gel Trifasico OPTIMA – Clarissa Nails

 Vi avevo anticipato in un precedente articolo e su Facebook che avrei iniziato ad integrare il blog, con articoli dedicati alla ricostruzione unghie e detto fatto, quello che state per leggere non é altro che la prima review “a tema” dedicata ad un gel trifasico da ricostruzione appunto. Forse molte di voi non saranno interessate particolarmente, ma per chi come me fa abitualmente questo trattamento, su di sè e sulle clienti, credo sia interessante avere del materiale su cui potersi basare in un’eventuale scelta dei prodotti piu’ appropriati alla propria manualita’.

Ho avuto modo grazie al gruppo  Vanity Space, l’opportunita’ di testare alcuni prodotti Clarissa Nails, in particolare, oltre ad uno smalto China Glaze, lima e decorazioni, mi voglio soffermare sul protagonista, il gel trifasico Optima che vedrete direttamente in azione. L’ ho testato sulla “mano morta” semplicemente perche’ io ho gia’ la ricostruzione e data la durata, il test sarebbe andato troppo per le lunghe, pertanto mi sono limitata a testarlo su strada mettendo alla prova tendenzialmente la brillantezza, la viscosita’, e la facilita’ di lavorazione. Ho poi fatto un piccolo test su un unghia di mia madre (ma ve ne parlero’ a fine articolo ) per poter parlare di altri fattori che altrimenti sarebbero rimasti a me ignoti!
Ma veniamo al dunque, e con una piccola ulteriore premessa: quello che vedrete sara’ uno step by step abbastanza approssimativo, in primis perche’ non ne ho mai fatti prima d’ora e mi ritengo poco capace, in secondo luogo, (ed é forse il motivo primario), perche’ la ricostruzione é un trattamento che necessita’ di una preparazione tecnica notevole. Non voglio incentivare il “fai da te”, in quanto dannoso e deleterio per le unghie, raccomandandomi sempre di fare corsi validi e adeguati prima di approcciare con questo procedimento. Peraltro in quello che vedrete, dato che ho utilizzato “mano morta”, mancano determinati passaggi essenziali da effettuare sull’unghia naturale. In sostanza non prendete cio’ che leggerete come un tutorial, bensi come una prova pratica del prodotto e basta, nella quale vi spiego come ho utilizzato il prodotto:
Ma prima di cominciare vediamo di descrivere il gel Optima nel dettaglio:
Si tratta di un gel trifasico, il che significa che in un unico prodotto racchiude la funzionalita’ di gel base, costruttore e sigillante. La sostanziale differenza con un monofasico é innanzitutto il costo, in quanto viene da se’ che tre prodotti monofasici costano nettamente di piu’ di un trifasico, e in secondo luogo la facilita’ di utilizzo, in quanto solitamente in gel trifasici sono autolivellanti, ovvero hanno la capacita’ di adattarsi autonomamente all’unghia una volta applicati creando una superficie omogenea. La viscosita’ caratterizza la densita’ del gel. Io prediligo quelli a media/alta densita’ in quanto non colano e sono facilmente lavorabili anche dalle principianti.
OPTIMA sul sito viene descritto cosi:

Gel TRIFASE di nuova generazione per una ricostruzione altamente professionale. Si distinguono dai comuni gel per L’OTTIMA QUALITÀ e viscosità. I GEL OPTIMA sono estremamente facili nella lavorazione ed i loro tempi d’indurimento sono ottimali per costruire con calma un unghia dallo spessore e dalla forma richiesta. Utilizzare più prodotto significa soltanto dover successivamente limarne l’eccesso. La caratteristica fondamentale di questi gel è che le unghie risultano estremamente flessibili e forti (i test condotti hanno dimostrato che le unghie costruite con GEL OPTIMA superano nella flessibilità e nella forza le unghie ricostruite con qualsiasi altro tipo di gel esistente sul mercato).

Optima risulta molto denso,direi quasi compatto, e l’ ho trovato estremamente facile da lavorare proprio perche’ non cola e permette di essere facilmente distribuito sulla superficie dell’unghia e della cartina in caso di allungamento.
Ma vediamo di cominciare: (non scandalizzatevi per la poca precisione ma lavorare su “mano morta” che non ha un letto ungueale, dei valli ecc ecc non é facile per niente, anzi…e’ proprio poco collaborativa!).
Prima di tutto, ho posizionato la cartina in maniera corretta fissandola al “dito morto” per poter ricostruire il letto ungueale e il margine libero per un allungamento. In questo caso faremo una “square”, ovvero classica unghia con margine libero quadrato. Su un’unghia naturale, la “preparazione” dell’unghia stessa (che per ovvi motivi non ho potuto effettuare), é una fase FONDAMENTALE che determina la buona riuscita di una ricostruzione e sopratutto ne costituisce la durata evitando che nel tempo si fomino bolle d’aria che vadano ad originare sollevamenti e in casi piu’ gravi, muffe e micosi. La superficie dell’unghia va limata con estrema delicatezza con una lima a grana fine (io uso la 180), senza grattare la superficie ma accarezzandola in modo da renderla opaca. Eliminati con un disinfettante antimuffa i residui di polveri, si procede con l’applicazione del primer, che solitamente utilizzo acido al fine di evitare la formazione di micosi. Il primer non si polimerizza in lampada ma asciuga in un paio di minuti all’aria. Una volta fatto questo, che richiede cura e attemnzione particolare, si procedete con la cartina e quindi proseguiamo:
In dotazione nel pacchetto, c’era una cartina,che come vedete é perfetta principalmente per creare una forma a “mandorla” di differenti misure. Le cartine sono svariate, tutte piu’ o meno adatte a realizzare forme particolari. Diciamo che ognuna ha la sua, ma possono ovviamente essere utilizzate in maniera standard, a patto doi fissarle e posizionarle adeguatamente, ritagliandole se necessario ai lati dell’unghia naturale. In questo caso non é stato necessario perche’ “mano morta” non ha margine libero e la carina semplicmente si appoggia sul bordo del dito.
Ho poi applicato il gel polimerizzandolo in lampada per 2 minuti. Su un’unghia naturale,Optima si applica in maniera differente per evitare che il gel in lampada durante la polimerizzazione bruci fastidiosamente sulle dita. Teoricamente si applica un primo strato che si polimerizza per un minuti, per poi applicarne un secondo piu’ consistente da polimerizzare un’altro minuto. Dato che la sensazione di calore é con molti gel in commercio decisamente fastidiosa, ho voluto fare una piccola prova sull’unghia naturale di mia madre, che mi ha confermato una lieve e sopportabile sensazione di calore, durante i primissimi secondi che va a scemare ma senza dare particolarmente fastidio.
Per comodita’, e per manualita’ mia, ho fatto direttamente la bombatura, applicando una maggiore quantita’ di gel nel “punto di stress” per evitare che l’unghia si spezzi con gli urti.Questo passaggio puo’ essere eventualmente fatto in un secondo momento, li va a preferenze di chi ricostruisce ma posso garantire che con la pratica alla fine viene naturale nel momento in cui si procede con l’allungamento. E’ un adattamento naturale che viene da se’ quando si vuole velocizzare la ricostruzione!
 Dopo aver polimerizzato per 2 minuti ho provveduto a sgrassare la superficie con l’apposito cleaner dalla dispersione in modo da poterla preparare al camouflage.
Ho steso poi il gel camouflage, un gel di colore rosato naturale e coprente che si usa di solito per uniformare la superficie dell’unghia naturale dal punto di vista cromatico, e far si che la ricostruzione risulti uniforme ma comunque naturale. Anche in questo caso lo si catalizza per due minuti in lampada, pèer poi sgrassare e opacizzare nuovamente la superficie con una lima a grana fine o un buffer.
 A questo punto inizia la parte decorativa: con un gel color ho disegnato un classico french obliquo catalizzando anche in questo caso per due minuti.Senza opacizzare ho poi applicato un leggero velo di gel Optima a smalto per far si che aderissero le piccole paillet cangianti incluse nel french ricatalizzando per un minuto.

A questo punto ho risigillato il tutto con Optima a smalto per poi terminare riopacizzando e applicando un top coat glossy da catalizzare in due minuti, con dispersione da sgrassare a fine lavoro.

E questo é il risultato finale…chiedo venia per l’imprecisione ma “mano morta” ribadisco che non collabora piu’ di tanto, anzi…
Ma traiamo le conclusioni.
Optima utilizzato per la prima volta, mi sembra un gel decisamente valido. Come gia’ detto,l’alta densita’ agevola molto l’applicazione,consentendoci di lavorare sulla forma in tutta tranquillita’ senza temere che il prodotto coli allungando i tempi di successiva limatura.
Non brucia durante la catalizzazione ( o polimerizzazione), o perlomeno a detta di madreh, non cosi fastidiosamente come tanti gel purtroppo fanno, e una volta sgassato col cleaner rimane piuttosto brillante anche se io per principio applico sempre un top coat glossy in modo da rendere le unghie lucidissime a lungo.
In termini di durata e resistenza non mi sento di dire nulla, in primis perche’ su di me non posso provarlo (al momento ho la rico in acrilico), e in secondo luogo perche’ tutto sommato, il gel si, di norma fa la sua parte, ma la durata di una ricostruzione senza sollevamenti ecc dipende principalmente dalla preparazione dell’unghia quindi sta tutto nella professionalita’ e competenza di chi fa la ricostruzione. Poi logicamente esistono variabili quali unghie che rigettano il gel e vi garantisco che puo’ capitare.
Insomma, trovo che Optima sia un prodotto valido, a cominciare dal prezzo. La confezione da 25g costa 35,00 euro e mediamente é il prezzo meno esoso per un prodotto di buona qualita’ con cui lavorare in sicurezza.
In piu’ Clarissa Nails organizza una miriade di corsi quindi vi consiglio di visionare il sito ufficiale, nel caso abbiate passione per questo settore e vogliate approfondire, ampliando il vostro sapere e perfezionando la vostra tecnica.
Ringrazio ancora una volta il gruppo Vanity Space e in particolare Elena Rossi per questa opportunita’!

 

 
DISCLAIMER
 Il prodotto mi e’ stato inviato in forma di OMAGGIO al fine di testarlo,valutarlo e recensirlo,in maniera quanto piu’ oggettiva possibile,ovviamente basando il tutto sulla mia esperienza personale.Cio’ non ha in alcun modo influenzato la mia opinione a riguardo,e ho valutato il prodotto in questione con la professionalita’,l’onesta e la schiettezza che caratterizza le mie reviews

Review: Prodotti IndipendentNails

Qualche giorno fa,ho ricevuto un minikit con alcuni prodotti da ricostruzione,gentilmente inviati dall’azienda IndipendentNails che ,Made In Italy,offre un’ampia gamma di prodotti altamente professionali,dedicati alla ricostruzione in gel,smalti convenzionali,semipermanenti e gel colorati,tutti all’avanguardia per garantire il miglior risultato possibile sulle nostre unghie.

 

Il mini kit conteneva una confezione di Gel Crystal Base,un Builder Pink,due gel colorati,un primer e un lucidante finale.Ve li illustro singolarmente.

Nella foto potete osservare i vari prodotti.Vi dico subito che di tutti,ho avuto modo di testare per il momento solo il Builder Pink ,un gel colorato (ma presumo che la resa sia identica in entrambi),e il lucidante in quanto ormai,ho da mesi la ricostruzione,quindi il passaggio PRIMER/BASE,lo salto a piè pari,limitandomi periodicamente al refill.Ma andiamo per ordine:
 Il Pink Builder non é altro che un gel costruttore di colore leggermente rosato,che consente di rendere l’unghia ancora piu’ naturale,nel caso in cui la nostra unghia in origine non sia perfettamente rosea.Io per il momento,come vi dicevo pocanzi,ho utilizzato solo questo dato che la base ricostruita l’avevo gia’,e l’opinione é davvero ottima in quanto,a differenza di molti altri gel che ho avuto modo di utilizzare,e’ a bassissima viscosita’,il che significa che essendo piuttosto corposo,non cola,e’ facilmente modellabile,autolivellante e consente di creare con una facilita’ estrema,una bombatura perfetta.Insomma,mi ha stupito perche’ abituata al mio gel Professionails (che peraltro reputo uno dei migliori in circolazione),non credevo di poter trovare oggettivamente un prodotto che si equivalesse.Promosso a pieni voti insomma.
Il Crystal Base invece,non l’ho ancora testato,ma ritengo,dalla viscosita’ che sia molto simile al precedente,quindi posso presumere che sia altrettanto facile modellarlo ad esempio durante una ricostruzione con cartine.Questo eventualmente lo recensiro’ quando lo utilizzero’ su di una cliente.
Passiamo ai gel colorati:
 Io ho ricevuto le colorazioni Cardinale,ovvero un bellissimo color ciclamino e Vampire Kiss,un rosso color sangue anch’esso molto elegante.
Dei due ho avuto modo di provare Cardinale,che é quello che ho applicato alla mia ricostruzione.
Ebbene,ammetto che ero un po’ titubante in quanto su di me,tendo ad evitare come la peste i gel colorati,in quanto normalmente sono abbastanza noiosi da stendere su di sè.Vanno tirati ben bene,stesi uniformemente…operazione spesso complicata considerando che non sono mancina.Su una cliente il discorso cambia,ma sono io la cavia migliore no?
E invece ho azzardato e anche in questo caso,sono rimasta piacevolmente sorpresa in quanto i gel colorati,hanno la consistenza di uno smalto.Sono piuttosto densi ma si stendono semplicemente,non si ritirano e il colore rimane omogeneo,e non si restringe nemmeno durante la polimerizzazione.Sono abbastanza coprenti,e una passata sarebbe piu’ che sufficiente,ma io sono pignola e ho ripetuto il passaggio perche’ mi piace il colore pieno.Risultato perfetto che a breve vedrete.
Il Primer é il liquido da applicare dopo aver opacizzato l’unghia naturale,e anche in questo caso non l’ho utilizzato.Posso parlarvi invece del Gloss & Dry,che é il lucidante finale da polimerizzare in lampada a ricostruzione terminata.Ok,ve lo dico,non ho mai avuto unghie cosi brillanti e lucide.a distanza di qualche giorno,in quanto é quasi normale che lavorando,usando le mani insomma,la ricostruzione tenda a perdere col tempo un po’ di brillantezza.Ecco,con questo niente di niente,sono ancora perfette!
E adesso vi mostro il risultato:

 

 

Ok,a parte le foto che probabilmente non saranno il massimo,sono piu’ che soddisfatta del risultato.Felicissima di aver avuto l’opportunita’ di testare questi prodotti,spero di avere modo di acquistarli in futuro dato che al momento,rivenditori nella mia zona,non ce ne sono,e il sito non possiede uno shop online.Vi invito comunque a dare un’occhiata ai prodotti presenti,sul sito IndipendentNails e a cercare,se siete interessate,tramite lo store locator,eventualmente un rivenditore vicino a voi.Personalmente non posso che offrire un feedback positivo all’azienda,e ai prodotti,davvero professionali e decisamente molto validi.
 
DISCLAIMER 
 Il prodotto mi e’ stato inviato in forma di OMAGGIO al fine di testarlo,valutarlo e recensirlo,in maniera quanto piu’ oggettiva possibile,ovviamente basando il tutto sulla mia esperienza personale.Cio’ non ha in alcun modo influenzato la mia opinione a riguardo,e ho valutato il prodotto in questione con la professionalita’,l’onesta e la schiettezza che caratterizza le mie reviews

Dimostrazione Gel Ricostruzione Camaleontici SolingeNails

Con questo articolo voglio parlarvi di una piacevole scoperta fatta qualche tempo fa.Girovagavo per siti web alla ricerca di gel colorati da ricostruzione e mi sono imbattuta in quello di SolingeNail,un  rivenditore italiano,che nel ricco catalogo completo di tutto cio’ che serve per la ricostruzione,ha prodotti molto particolari come i nuovi e sempre piu’ in voga Gel 3D che permettono di decorare le unghie in maniera artistica simulando la riuscita che si ottiene modellando le polveri acriliche,e i Gel Camaleontici ovvero quelli che cambiano colore a seconda della temperatura a cui vengono sottoposti!
Ed e’ di questi che voglio parlarvi proprio perche’ incuriosita dal prodotto,ho deciso di acquistare un colore per provare se effettivamente funzionassero….
Ho girato un breve video esplicativo con cui vi mostro il funzionamento!
Ho utilizzato acqua calda e fredda ma le unghie sono influenzate dalla temperatura in generale,indipendentemente da quale sia la fonte.Il gel a temperatura fredda,nella colorazione scelta da me,e’ un fucsia acceso con microglitter che da all’unghia un effetto particolarmente brillante,e lo stesso,se sottoposto al caldo,diventa color madreperla con microglitter.
Nel video vedrete che ho utilizzato acqua corrente calda e fredda per farvi vedere quanto e’ rapido il cambiamento.

 

La particolarita’ dei gel,e’ che seguendo la temperatura corporea delle vostre dita,cambiano continuamente,creando da soli addirittura un french,in quanto se avete una ricostruzione di esigua lunghezza,la parte che supera il polpastrello sara’ ovviamente piu’ fredda di quella a contatto con esso,o addirittura i colori vanno a volte a sfumarsi da soli,creando giochi di glitter magnifici.Vi posto in seguito due foto in cui l’effetto appena descritto e’ abbastanza evidente.
Per chi si intende un po’ di ricostruzione posso dire che questi gel sono molto validi,facili da gestire e da stendere,non colano in quanto sono della giusta consistenza e sopratutto non tendono a ritirarsi piu’ di tanto una volta messi a catalizzare.Diciamo che un risultato buono si ottiene facilmente stando normalmente attente e cercando di essere precise come quando si stende un normale smalto sull’unghia!!!
Il prezzo di questi gel e’ di 10,41 euro + iva per 7ml di prodotto e sono reperibili in una vastissima gamma di colori sul sito SolingeNail
Credo che molto presto ne acquistero’ altri in quanto sono molto particolari e mi piacciono sia per me che per le mie clienti che apprezzano le novita’ e le cose un po’ piu’ fuori dal comune!
E voi che ne pensate?

Pin It on Pinterest