Aerografo:Tecnica per realizzare Nail-Art

Ebbene dopo lunghe meditazioni mi sono fatta un regalo...Finalmente e' arrivato il mio aerografo e il mio piccolo compressore portatile.Entrambi daranno una vera e propria svolta al mio modo di fare nail art,ovvero quello tradizionale con pennellini e colori acrilici!!!Piu' volte ho ribadito la mia passione per le unghie in modo particolare,cosa che si e' accentuata dopo aver svolto il corso di ricostruzione.La mia voglia di spaziare con le tecniche si e' amplificata al punto di voler imparare questa favolosa tecnica nuova!
L'AEROGRAFIA appunto...ma vi spiego un po' di che si tratta,giusto per riuscire a darvi un' idea precisa:


La tecnica dell'"AIRBRUSH" (aerografo) consiste nell'utilizzare un'apposita penna ad aria compressa,che nebulizza il colore in modo piu' o meno fine a seconda delle regolazioni che si possono effettuare,conferendo al disegno,una precisione dei tratti impossibile da ottenere a mano libera, e permettendovi di creare sfumature ed effetti davvero spettacolari.
Per svolgere questa tecnica occorrono fondamentalmente due cose:

Un Aerografo:


E un piccolo compressore silenziato:



Per quanto riguarda l'Aerografo,in commercio se ne trovano principalmente di due tipologie e il prezzo e' variabile.Ne esistono a partire da 30 euro per arrivare alle oltre 200.Ovviamente le caratteristiche saranno diverse,e in molti casi faranno la differenza,ma se come me state intraprendendo un percorso verso questa tecnica,vi conviene acquistare uno strumento medio (senza spenderci un' esagerazione),per poi eventualmente acquistare un'aerografo piu' serio,quando avrete preso padronanza con esso,e sarete sicure di voler iniziare a creare lavori piu' complessi.
Principalmente sono di due tipi:
Quelli alimentati per GRAVITA' e quelli alimentati per ASPIRAZIONE:
La differenza sta nel tipo di serbatoio,che in ogni caso dovra' essere piccolo per evitare che interferisca nella visuale del vostro lavoro.
Gli aerografi alimentati per gravita' sono i piu' indicati in quanto il colore scende verso l'ago che determinera' lo spruzzo per caduta,cosa naturale insomma,conferendo al lavoro,uno spruzzo modulato ed estremamente omogeneo.Nel caso di AEROGRAFI alimentati per aspirazione,il serbatoio invece e' posto inferiormente allo strumento,e lo ritengo personalmente meno indicato in quanto,un minimo sbalzo di pressione,creera' una minor aspirazione del colore stesso,e una conseguente disomogeneita' del tratto che stiamo creando insomma.
Ulteriori informazioni in merito alle tipologie e al funzionamento dell'aerografo potete trovarle su Aerografo.com.


Nel mio caso come ho citato poco fa,ho acquistato un compressore da nail art (o modellismo), con alimentazione per gravita' (identico a quello illustrato in foto)e un piccolo compressore senza spendere una fortuna! Se imparero' ad usarlo come si deve,beh,pensero' a quel punto ad ambizioni piu' alte!

Ma andiamo a vedere come funziona nell'ambito NAIL-ART:
L'aerografo puo' essere utilizzato anche a mano libera,ma riuscirci non e' cosa da poco.Non ci si puo' improvvisare ed e' necessario tanto esercizio e una padronanza dello strumento non indifferente.Esperienza a volonta' insomma.Per quanto riguarda la Nail Art,la tecnica e' decisamente semplificata in quanto ci si avvale di MASCHERINE O STENCIL pretagliati  in silicone che posti sull'unghia,consentono riempimenti,sfumature e la vera e propria forma del disegno che stiamo creando.Un 'immagine vi chiarira' le idee:


Stencil in commercio,specie su siti del settore,se ne trovano davvero un'infinita' a prezzi modici.Tali mascherine possiedono una miriade di disegni diversi e componibili,dai piu' basic,come ad esempio i french,a quelli rappresentanti fogliame,fiori,decorazioni,greche e quant'altro!


I colori impiegati sono acrilici (ad acqua o sintetici),di consistenza particolarmente fluida per permettere un'ottimale nebulizzazione.

LA MANUTENZIONE DELL'AEROGRAFO E' FONDAMENTALE
Occorre pulirlo accuratamente una volta utilizzato,smontandolo in ogni sua parte,passandolo ripetutamente sotto acqua corrente,o nel caso abbiate utilizzato colori sintetici,utilizzando spazzoline apposite e il diluente chimico appropriato.
Eventuali residui di colore comprometterebbero lo strumento intaccando anche l'ago che consente lo spruzzo.Ecco perche' e' fondamentale a fine operazione,riempire sempre il serbatoio di acqua(o diluente) spruzzando come se stesse colorando in modo da eliminare del tutto ogni eventuale residuo.In commercio esistono anche apparecchi ad ultrasuoni in grado di supplire tutte queste operazioni ma sono abbastanza costosi e sinceramente io,lo vedo come uno strumento non indispensabile.

La cosa che puo' risultare un po' noiosa e' il dover sciacquare lo strumento ad ogni cambio di colore (in questo caso non serve una pulizia cosi approfondita,visto che continueremo ad utilizzarlo!)

Una manicure effettuata in questo modo prevede decisamente tempi piu' lunghi e difficilmente riusciremo a realizzare un decoro sulle nostre mani in quanto non sarebbe un'operazione cosi agevole!!!!


Con pratica ed esercizio si possono ottenere risultati magnifici insomma!

E voi che ne pensate?Io mi mettero' all'opera in settimana,preparazione pre-esame permettendo,in quanto ho ordinato colori e stencil che mi arriveranno in settimana.Postero' appena possibile i primi lavori!Abbiate pieta' perche' saranno proprio "i primi"!!!Vedremo come va...nell'attesa di fare un corso specifico probabilmente a luglio o agosto!


NB:tutte le foto presenti sono prese da web.Qualora avessi violato qualche copyright,chiedo scusa e provvedo alla rimozione e/o sostituizione
Powered by Blogger.