Il rossetto, scopriamo come sceglierlo in base alla personalità

Il rossetto, scopriamo come sceglierlo in base alla personalità

Un paio di labbra ben definite sono in grado di rubare la scena. Chi sceglie di metterle al centro dell’attenzione, truccandole opportunamente, deve sapere che a influenzare la scelta del colore sono soprattutto la personalità e il temperamento.

Alla domanda che colore di rossetto mi sta bene non resta che rispondere sottolineando quanto è importante valutare anche la tonalità dell’incarnato e dei capelli, così come la forma delle labbra.

Si fa presto a dire rossetto, soprattutto a fronte dell’ampia gamma di colori, finish e texture, offerti dalle maison della cosmesi.

Quale colore di rossetto scegliere?  Un gran classico come il rosso, che ha un impatto emotivo ben definito, dispone di oltre 50 sfumature, ma in linea di massima identifica i desideri di una donna ottimista ed energica, che agisce spinta da una passionalità prorompente. 

Chi opta per la gamma di rossetti rossi matte, e apprezza la proposta di un finish vellutato, può approfittare di una formula arricchita con acido ialuronico, come quella offerta da Color Riche Intense Volume Matte, per labbra volumizzate e rimpolpate all’istante, e una tenuta che arriva sino alle 16 ore.

La sua formula,  con  olio di argan, dona alle labbra il giusto grado di morbidezza e idratazione, inoltre la disponibilità del prodotto in 10 nuance diverse offre la soluzione adeguata al tipo d’incarnato e risponde perfettamente alle diverse preferenze. 

Le nuance del rosso

Se il rosso intenso è indice di energia e passione, il rosso scuro ci presenta una donna dalla sensualità prepotente, che incute anche un po’ di timore.

Una soluzione classica come quella offerta dal rosso borgogna, autentico evergreen dal sapore intramontabile, ci propone una donna dall’eleganza innata, conscia della sua bellezza e della preponderante femminilità.

Chi colora le labbra con un rosso fuoco, contrariamente alla potenza della nuance, non ama dominare. Non si tratta di una donna dal carattere forte e deciso, tutt’altro. Il rosso fuoco spesso mette in luce un senso di paura, una personalità attratta dal pericolo ma non desiderosa di dominare.

I toni chiari e il ‘non’ colore

Accertato che il colore del rossetto può essere un rivelatore  di personalità, non mancano le scelte caratterizzate dai colori tenui

Chi opta per un rosa pastello lascia trasparire un animo dolce ma al tempo stesso provocante, a metà strada fra il desiderio d’innocenza e la voglia di trasgressione (ah si?

Il ‘colore non colore’ come la sfumatura nudo, mette in luce il desiderio di lasciarsi scoprire. La donna che non mette il rossetto,  potrebbe essere una donna sicura di sé, una persona di potere, che non ha voglia né tempo di inviare segnali attraverso le labbra.

La tinta corallo e il nero dark rispettivamente indice di personalità volubile e scelte di tendenza

Non mancano le tonalità color corallo, un colore un po’ fuori dagli schemi, che potrebbe essere indice di una personalità volubile ma al tempo stesso tutt’altro che semplice. 

Caratteri e personalità forti prediligono il nero, una scelta complessa, estremamente amata anche dalle donne trendy, particolarmente attente alle tendenze del momento. Le labbra nere sono la scelta più amata da chi non è alla ricerca di tenerezza, carezze, effusioni e tanti baci, una donna indipendente che ama prendersi quel che vuole senza chiedere.

Copyright

Ti potrebbero interessare anche:

Skincare viso al mattino e alla sera: ecco come gestirle in modo ottimale

Skincare viso al mattino e alla sera: ecco come gestirle in modo ottimale

Si parla tanto di skincare quotidiana, ma troppo poco della differenza tra beauty routine mattutina e quella serale. Sì, perché i prodotti e i passaggi per eseguirla cambiano notevolmente a seconda del momento della giornata e non solo in base al tipo di pelle.

Fortunatamente non è difficile reperire e utilizzare gli strumenti giusti, nemmeno per le donne più svogliate o per chi ha sempre i minuti contati. Dai detergenti per il viso alle creme e ai sieri, scopriamo insieme come prenderci cura del nostro volto, a qualsiasi età.

Skincare viso diurna e serale, per quali ragioni sono differenti?

Sembra scontato, ma la beauty routine del mattino non può essere uguale a quella serale: le esigenzedell’epidermide, infatti, sono diverse. I motivi sono essenzialmente due:

  • di giorno la pelle deve affrontare sole e make up
  • di sera bisogna togliere i residui di trucco
  • il riposo notturno favorisce la rigenerazione della cute.

Prima di iniziare, bisogna raccogliere i capelli e lavare bene le mani, per eliminare perfettamente ogni impurità. Queste raccomandazioni valgono sempre, indipendentemente dalla fascia oraria.

Cura della pelle al mattino, i passi per essere belle e impeccabili

Al risveglio ci vediamo più riposati davanti allo specchio, a condizione di dormire bene. Le tensioni accumulate fino alla sera precedente scompaiono, così come il grigiore sull’epidermide. Tuttavia, sudore e sebo si depositano sulla superficie cutanea, specialmente d’estate.

Il primo passo da compiere è la pulizia della zona perioculare con un prodotto specifico. In quest’area, la pelle è molto più sottile e richiede cosmetici che evitino la comparsa di macchie e di rughe precoci. In alternativa si può optare per formulazioni 2 in 1, adatte a tutto il volto.

Segue un doppio lavaggio del viso con acqua tiepida e un buon detergente, rigorosamente senza sapone o agenti schiumogeni. Evitare il contatto con gli occhi, risciacquare abbondantemente e tamponare delicatamente con un asciugamano.

Dopodiché è il momento di picchiettare un batuffolo di cotone imbevuto di tonico delicato per le pelli secche o sensibili, riequilibrante per quelle miste o grasse. Saltare questo passaggio significa auto-condannarsi a impurità e colorito spento. In ogni caso, non deve irritare gli occhi né impoverire il film idro-lipidico.

Adesso la cute è pronta per ricevere sieri e creme per il contorno occhi, da applicare sull’osso orbitale. Bisogna partire dagli angoli interni verso le tempie e ripetere il movimento per 5-6 volte sulla palpebra inferiore e su quella superiore.

Una volta asciugato il prodotto, passare all’idratante viso: il movimento dei polpastrelli andrà dal basso verso l’alto, dal centro alle estremità laterali. Infine stendere un SPF seguendo gli stessi criteri, prima di dedicarsi al maquillage.

Coccole per la beauty routine serale

Rispetto al mattino, qualcosa cambia: il must have di fine giornata è lo struccante, mentre la crema con fattore di protezione non serve. La doppia detersione è indispensabile sia per il viso sia per gli occhi, per eliminare ogni residuo di make-up e preparare l’epidermide a ricevere sieri, lozioni e creme da notte dalla consistenza non untuosa.

Durante le ore di sonno, inoltre, le attività di ricambio cellulare raggiungono i massimi livelli. Per questo la fascia serale è il momento migliore per i trattamenti periodici, come l’applicazione di un esfoliante e di una maschera. Quando inserirli nella skincare? Dopo il tonico, nell’ordine appena indicato.


Copyright

Ti potrebbero interessare anche:

Antirughe naturali per combattere lo scorrere del tempo

Antirughe naturali per combattere lo scorrere del tempo

Il segno più evidente dello scorrere del tempo? Lo ritroviamo proprio sulla nostra pelle: è lì che il nostro corpo inizia a perdere di tonicità e comincia a collezionare le prime rughe (più o meno profonde), accompagnate da eventuali macchie e/o imperfezioni cutanee.

Tutti sappiamo che fermare il tempo non è possibile e che la comparsa delle prime rughe è un processo naturale, ma allo stesso tempo può risultare indicato affidarsi ad un antirughe naturale che riesca in qualche modo a rallentare il processo di invecchiamento.

La formazione dei primi segni del tempo visibili sul nostro viso è da addebitarsi alle cosiddette “rughe d’espressione” (movimenti quotidiani e spesso involontari del viso). Affidarsi ad un antirughe naturale può dunque risultare consigliabile già intorno ai 20 anni, proprio perché le prime rughe d’espressione possono risultare piuttosto evidenti già intorno ai 30.

Sviluppo precoce: scopriamo le cause

L’epidermide inizia a perdere elasticità e tonicità a causa della riduzione del collagene e dell’elastina, normalmente prodotti dal nostro corpo. Tuttavia, per quanto si tratti di un fenomeno inevitabile, vi sono dei fattori che possono determinare uno sviluppo precoce delle rughe.

Avrete sicuramente notato che non tutte le persone invecchiano allo stesso modo e che le rughe possiedono un aspetto variabile da persona a persona; il motivo è da ricercare in una predisposizione genetica. Tuttavia vi sono altri fattori specifici (che variano anche in base al contesto socio-ambientale che viviamo quotidianamente) che possono favorire oppure contrastare l’invecchiamento precoce del nostro volto.

Tra i primi troviamo fattori ambientali come lo smog (in grado di attivare i radicali liberi) ma anche un’eccessiva ed errata esposizione ai raggi UV; non mancano poi fattori come l’alimentazione scorretta (povera di vitamine) e il fumo, che va ad ingrigire il tono della pelle. 

Tra i fattori in grado di contrastare l’invecchiamento precoce del nostro viso troviamo invece una corretta alimentazione, una buona idratazione e un buon antirughe naturale (come nostro alleato).

Come mantenere la pelle giovane e luminosa 

Ma veniamo ad alcuni accorgimenti che, se seguiti con costanza, potranno certamente portarvi a dei risultati concreti.

Primo aspetto a cui prestare attenzione? Sicuramente l’alimentazione. Seguire un’alimentazione corretta e idratarsi quotidianamente sono certamente aspetti che possono fare la differenza (se occorre affidatevi all’aiuto di un buon nutrizionista). 

Oltre all’alimentazione, che abbiamo visto essere fondamentale, ci sentiamo di consigliarvi di usare quotidianamente un buon antirughe naturale per poter mantenere la pelle giovane più a lungo. 

Ma cosa deve contenere una buona crema antirughe? Il collagene e l’acido ialuronico sono due componenti essenziali in grado di mantenere l’equilibrio della nostra pelle. Il collagene è già presente nella nostra pelle, oltre che nelle unghie e nei capelli, ma è importante integrarlo attraverso l’utilizzo di prodotti specifici che siano ricchi di vitamina C ed E, di ramezinco e antiossidanti.

Un altro potente alleato per mantenere la pelle giovane e ben idratata è il resveratrolo, una sostanza presente in varie piante e di cui sono particolarmente ricche le bucce degli acini d’uva. La sua azione come antirughe naturalesi manifesta attraverso una protezione cellulare ed un contrasto dello stress ossidativo.

Infine, anche l’utilizzo dell’Olio di Mosqueta e dell’Olio di Argan aiuta a mantenere una pelle più luminosa ed elastica, oltre che ben idratata



Ti potrebbero interessare anche:

Tinta per sopracciglia: di cosa si tratta?

Tinta per sopracciglia: di cosa si tratta?

La tinta per sopracciglia è una delle rivoluzionarie e nuove soluzioni per curare le sopracciglia e determinare in maniera perfetta la forma. Grazie a questo rimedio finalmente non sarà più necessario utilizzare gli ombretti e le matite, in quanto sono strumenti che hanno una durata inferiore. Inoltre, la tinta per sopracciglia rappresenta un dilemma al microblading ed è velocissima da effettuare.

Nel dettaglio si tratta di un trattamento estetico che riguarda la colorazione dei peli attraverso un semi-permanente. Tale operazione rende i peli più scuri e di conseguenza riempie le sopracciglia facendole diventare più folte.

Tinta per sopracciglia: cos’è

Il trattamento tinta per sopracciglia è una soluzione decisamente valida e non invasiva che consente di migliorare il colore delle sopracciglia evidenziandone la forma. Mediante questa soluzione si ha l’opportunità di valorizzare in particolar modo il viso e lo sguardo.

La colorazione delle sopracciglia è l’opzione ideale per raggiungere un risultato eccezionale senza la necessità di make up. Sono sufficienti infatti pochi istanti per colorare le sopracciglia e ottenere un esito decisamente soddisfacente, ma per avere la soluzione desiderata è necessario prestare attenzione alla selezione della tinta esatta. Per non andare incontro a controindicazioni è consigliato scegliere una tinta naturale, tra le migliori in assoluto presenti sul mercato vi è Delia. Questa soluzione in particolar modo è perfetta per effettuare una tintura senza alcun pericolo e rischio.

Il risultato è dato nel dettaglio dalla colorazione della tintura, per questa ragione è necessario individuare il colore della tinta giusto in base alle proprie caratteristiche. Bisogna fare attenzione al colorito esatto, che deve evidenziare il volto e per riuscirci vi è la necessità di fare riferimento sul colore naturale o a volte su una tonalità che risulta più scura, in questa maniera si ha l’opportunità di rendere più intense le sopracciglia che risultano decisamente più rade.

Una volta che sarà stata applicata la tinta per le sopracciglia, bisognerà mantenerla per circa dieci minuti in posa. Trascorso questo lasso di tempo andrà poi eliminata con acqua e un batuffolo di cotone. Se il risultato che si vuole raggiungere deve essere più scuro bisognerà semplicemente tenere in posa il prodotto per un tempo più lungo, è importante non lasciarla per troppo tempo altrimenti l’esito finale potrebbe non piacere.

Tinta per sopracciglia Henné

Delia Hennè sopracciglia consente di definire in maniera precisa le sopracciglia, donando in particolar modo un risultato eccezionale per quanto riguarda l’esaltazione del viso e dell’espressione. Prima di utilizzare la tintura è necessario rimuovere tutti i peli superflui e capire soprattutto la forma delle sopracciglia che bisogna ottenere una volta applicata la soluzione. Dopodiché occorre ottenere il colore ideale del prodotto, usarlo e lasciarlo per dieci minuti in posa.

Una volta eseguiti questi passaggi è consigliato non bagnare il volto nelle 24 ore seguenti in maniera tale da non alterare il colore. Per di più è fondamentale tenere a mente che la durata della tintura a base di hennè per le sopracciglia può cambiare dai 14 giorni fino a 30 giorni, in quanto la tenuta del prodotto dipende soprattutto dalla tipologia di cute, dalle soluzioni usate nella skincare e dalla makeup routine.


Copyright

Ti potrebbero interessare anche:

Come funziona la produzione di cosmetici conto terzi

Come funziona la produzione di cosmetici conto terzi

Il mondo della bellezza, come ben sa chi lo ama, è caratterizzato da numerose sfaccettature affascinanti. Una di queste è la produzione cosmetici conto terzi, un microcosmo che, come vedremo nel corso dell’articolo, si nutre del connubio tra diverse professionalità – chimici, grafici, cosmetologi, esperti legali etc. – con lo scopo di garantire il meglio a un’industria in continua ascesa. Come funziona? A chi si rivolgono le aziende in questione? Scopriamolo assieme!

Produttore cosmetici conto terzi: cosa fa?

Come è chiaro dall’espressione stessa, la produzione di cosmetici conto terzi è un servizio a cui si dedicano aziende strutturate. Il processo, infatti, parte dal brief, a cui segue l’analisi del mercato in cui si punta a lanciare il prodotto, arriva all’ideazione e, solo alla fine, vede in primo piano la produzione concreta.

 Le realtà in questione sono sempre più diffuse in Italia. Da diversi anni a questa parte, il settore della bellezza è infatti esploso sulla scia della ricerca, da parte degli utenti, di esperienze il più possibile personalizzate. A dimostrazione di ciò, è possibile chiamare in causa il numero sempre più alto di estetisti che propongono, presso i loro saloni, linee cosmetiche brandizzate. Un ruolo rilevante è da riservare pure alla ricerca di soluzioni naturali e sostenibili per prendersi cura della propria bellezza. Dietro ai prodotti appena citati c’è sempre un’azienda che si occupa di progettazione e realizzazione di cosmetici conto terzi.

Tornando all’iter che porta al prodotto finito, è doveroso ricordare che, dopo l’ideazione, arriva il momento dei test di sicurezza. Come ben si sa, il make up e in generale i cosmetici di qualità devono rispondere a determinati standard. Solo dopo che la suddetta parentesi è stata archiviata si può passare alla produzione, al successivo confezionamento – il packaging è nodale nel mondo della bellezza e fa la differenza per quanto riguarda aspetti come il posizionamento del prodotto – e all’ottimizzazione di promozione e distribuzione.

Le aziende a cui è dedicato questo articolo si dedicano quindi a diversi compiti e, di fatto, offrono un servizio di business estremamente completo e altrettanto complesso. 

A chi si rivolge?

A chi si rivolgono le aziende che si occupano di produzione di cosmetici conto terzi? Come accennato nelle righe precedenti, il loro target comprende, tra le varie realtà, i centri estetici. Le aziende attorno alle quali queste righe ruotano lavorano anche per brand del settore beauty che non hanno uno stabilimento produttivo. In quest’ultimo caso – frequente, per esempio, quando il core business è orientato verso altri settori ma si decide comunque di presidiare anche il mondo beauty – il servizio non comprende aspetti come la promozione in quanto, alla base, c’è un reparto che si occupa in maniera specifica dell’aspetto sopra citato.

I prodotti proposti e i servizi

Quali sono i prodotti proposti dalle aziende cosmetiche conto terzi? Svariati! Si va dalle creme ai sieri, senza dimenticare le lozioni. Alle realtà appena menzionate si possono commissionare anche scrub e linee di solari, per non parlare di quei prodotti caratterizzati da particolari texture che al giorno d’oggi sono richiestissimi come le maschere monouso in hydrogel, la bouncy mask o la whipped cream. 

Non c’è che dire: le alternative sono davvero numerose e comprendono anche i gel igienizzanti e gli integratori alimentari. Tornando un attimo ai servizi, una parentesi fondamentale deve essere dedicata a tutto quello che riguarda il comparto legale. Dietro all’etichetta di un prodotto cosmetico c’è un percorso all’insegna dell’attenzione a norme relative al claim che non possono assolutamente essere ignorate. Non bisogna poi trascurare l’iter di cosmetovigilanza, cruciale per garantire la tutela dei consumatori a lungo termine.

In conclusione, non si può non rammentare che tutte le formulazioni sono uniche. Le aziende che si occupano di produzione cosmetici conto terzi hanno come clienti player di spicco nel mondo della bellezza. Senza la capacità di personalizzare nel dettaglio le sinergie tra i vari ingredienti e attivi, difficilmente riuscirebbero ad avere successo e a rappresentare dei partner di business preziosi in un settore che non smette di crescere e di regalare soddisfazioni a chi lo ama.



Ti potrebbero interessare anche:

Pin It on Pinterest